La Fan Fiction di Halloween di Elena

Era la sera di halloween e io e il mio migliore amico Steven stavamo mangiando pop corn e vari dolci sul divano mentre guardavamo un film nella televisione del salotto di casa sua.
-Questo film lo avrai visto almeno trenta volte-mi lamentai.-È sempre lo stesso finale  lo zombie mangia tutti e nessuno resta vivo- mi lagnai.
-Si,e tu te la fai sotto ogni volta-sogghignó lui.
-Non è vero- mi lagnai.
-Si che è vero Abby- protestò lui.
-Grazie Stev- risposi lanciandogli un'occhiataccia.
-Vado un attimo in bagno-Mi disse lui. -Pensi di farcela a sopravvivere per cinque minuti senza di me?- domandò poi soffocando a stento una risata.
In risposta gli lanciai un cuscino,non riuscendo però a beccarlo in tempo.
Mi rilassai completamente sul divano godendomi il film.
Passarono i minuti,cinque,dieci,venti,trenta....E di Steven non c'era ancora traccia.
Cominciai a preoccuparmi e decisi di andare a cercarlo.
Arrivata davanti alla porta del bagno,lo chiamai.
-Steven?- nessuna risposta.
-Ehi Stev?Sei ancora vivo?- domanda idiota,pensai tra me,ma nonostante tutti i miei tentavi,non ci fu nessuna risposta da parte sua.
Aprii la porta del bagno,sorpresa che non si fosse chiuso dentro a chiave come era suo solito fare,e questa emise un lungo cigolio piuttosto inquietante.
-Beccato!- urlai precipitandomi all'interno della stanza,trovandola però, vuota all'interno.
-Ehi steven dove sei finito?Non è divertente-
Pronunciai quella frase talmente piano che a mala pena riuscii a sentirmi io.
La casa dei genitori di Steven era inspiegabilmente grande e onestamente,non me la sentivo proprio di andare a cercare il mio migliore amico per le stanze buie dell'appartamento.
Dal piano superiore si udii un cigolio e un'urlo.
-Steven?- domandai,angosciata.
Mille domande invadevano la mia mente..E se è morto? E se uno zombie gli ha mangiato il cervello? Cosa diavolo stava succedendo li sopra? Cosa avrei trovato?forse una schiera di zombie pronta a uccidermi.
"Devo smetterla di guardare stupidi film con quello stupido del mio migliore amico" ricordai a me stessa mentre percorrevo il corridoio e le scale che mi avrebbero portata al piano di sopra.
"Non devi avere paura Abby" continuavo a ripetermi.
-Abbyyyyyy- una voce profonda,che sembrava provenisse dal fondo degli inferi,richiamò il mio nome e un brivido mi percorse tutta la schiena facendomi addirittura drizzare i peli sulle braccia.Avrei dovuto mettermi una maglia più pesante.
-Chi è la?- domandai impaurita prendendo la prima cosa che mi capitó tra le mani,
'Ci faccio poco con un vaso di legno' pensai tra me.
Ma sempre meglio di niente.
In quel momento avrei tanto desiderato che i genitori di Stevan fossero a casa,ma erano usciti con i figli più piccoli a fare 'DOLCETTO O SCHERZETTO' alle porte del vicinato.
Mi feci coraggio e aprii la porta della camera di Stevan dalla quale uscii un profondo e intenso fumo verde.
Cercai di riconoscere la figura che era nascosta nel fumo e quando mi ritrovai a neanche un metro di distanza una faccia raggrinzita con un occhio fuori dalla orbita urlai scappando,andando a nascondermi nella stanza dei genitori di Steven.
-Okay,okay calma Abby,puoi sempre chiamare la polizia,o l'FBI,o magari i vigili del fuoco-
Ma chi avrebbe mai creduto a una ragazzina che diceva di avere gli Zombie in casa la notte di Halloween?Chissa quante volte le persone avevano fatto uno scherzo simile tanto per fare una bravata e occupare la serata.
Okay stavo per morire sbranata da uno Zombie,Steven probabilmente era già morto e io non avevo fatto nulla per salvarlo.
Rimpangei quei momenti in cui credevo che gli zombie fossero solo un'invenzione assurda tanto per spaventare i bambini.
Dovevo smetterla di farmela sotto dalla paura,dovevo decidermi a uscire da quella stanza,e andare a cercare il mio migliore amico o a rivendicare la sua morte,una delle due,pensai,anche se onestamente,avrei trecentomila volte preferito la prima,il che sembrava abbastanza ovvio.Nonostante Steven qualche volta fosse altamente odiabile di sicuro non avrei mai desiderato la sua morte.
Presi coraggio e varcai quella soglia che mi avrebbe portato nel mio incubo peggiore.
Il fumo verde era aumentato e si era quasi ormai impadronito del piano superiore della casa.Il pavimento era scomparso di quello che sembrava essere residui di pelle umana.
-Steven?- domandai,ormai quasi piangendo.
-ABBYYYYY!!-
Di nuovo quella voce.
-Fatti vedere!- urlai,non sicura però di volere al cento per cento quello che stavo chiedendo.
Il fumo cambiò,trasformandosi da fumo verde a fumo rosso fuoco.
"È la fine" pensai.
Altre grida,cigolii e scricchiolii vennero accompagnati dall'intensa nube colorata dalla quale spunto poi una figura che S'incammino verso la mia direzione.
Mentre la figura sconosciuta si avvicinava,mi sembrò di vedere una somiglianza a una persona che conoscevo piuttosto bene.
Quando confermai il mio sospetto quasi svenni.
-ABBYYYY!!- si avvicinò il mio migliore amico vestito da Zombie,ridendo  e portando entrambe le braccia davanti a Se.
-Ti succhierò il cervello e ti porterò con me nel mondo dei morti,li mi sposerai e avremo insieme tanti piccoli figli Zombie- continuò,ridendo.
-Sei un'idiota Steven,mi hai fatto perdere dieci anni della mia vita,sei un'emerito imbecille!- urlai,con gli occhi lucidi.
-Eddai Abbs, era solo uno scherzo innocuo,stavo solo scherzando!- si difese lui ancora con un vago sorriso sulle labbra.
-Un'innocuo scherzo?Ma se mi hai fatto morire dalla paura!- dissi,infuriata.
-Allora ammetti di avere paura degli Zombie?- domandò lui alzando e abbassando le sopracciglia.
-Sei un'idiota- ripetei,però stavolta andando ad abbracciarlo.
-Non vuoi neanche sapere come ho fatto a ottenere questo effetti che sono risultati piuttosto credibili date le tue reazioni?...-
-Sentiamo...Come?- domandai,incuriosita dalla mente pazza del mio migliore amico.
-Ho usato i vari trucchetti che mi hanno insegnato hai corsi di magia,che altro!- esclamó,beffardo.
-Sei una mago nato- risposi dandogli un bacio sulla guancia.
-Ma non arrabbiata con me fino a qualche secondo fa?- domandò ridendo.
-Oh certo che lo sono,ma sai,hai presente il detto 'Ama il tuo nemico'? Bhe ecco sto semplicemente architettando un metodo complesso e complicato per fartela pagare,tutto qui- risposi con un'alzata di spalle.
-Bhe',intanto che ci pensi ti andrebbe di scendere e andare a finire il film di prima?- domandò con un sorriso.
-Non è meglio sistemare prima il casino che hai fatto per 'mettere in pratica' il tuo favoloso scherzo?- domandai.
-Forse....ma dopo....Adesso voglio solo andare sul divano con la mia migliore amica a guardare un film e a cercare di convincerla di non uccidermi per il fantastico scherzo del fantastico Steven- rispose strizzandomi l'occhio.
La sua risata si uni alla mia creando un suono perfetto mentre ci lasciavamo alle spalle i residui di un Halloween che sarebbe stato difficile dimenticare.

Guarda le news di Super!